DISPERAZIONE E SOFFERENZA…………..ANCORA UN CANE CON I SUOI PICCOLI, VITTIMA DELL’INDIFFERENZA UMANA…………….QUESTA POVERA PICCINA HA BISOGNO DI TANTE CURE, HA SOFFERTO L’INIMMAGINABILE PER 10 GG……………..ADESSO, FORSE HA UNA POSSIBILITà DI VITA, DI POTER RICEVERE AMORE. I VOLONTARI PERò HANNO BISOGNO DELL’AIUTO DI TUTTI NOI…ANCHE CON POCHISSIMI EURO, MA VI PREGO DI AIUTARE DORA E I SUOI CUCCIOLI!!!!!!!!!!!!!! HA GIà AVUTO TROPPA SFORTUNA E CATTIVERIA DALLA VITA……………..

QUESTO APPELLO HA FOTO UN Pò FORTI…..VI CHIEDO SCUSA IN ANTICIPO, MA LA STORIA DI DORA E IL PERCHè CHIEDIAMO AIUTO PER LEI, SENZA LE FOTO NN POTEVA ESISTERE. SCUSATECI ANCORA………..

ANCORA NAPOLI E IL SUOI POVERI RANDAGI……NAPOLI E L’INDIFFERENZA UMANA VERSO GLI ANIMALI……….QUESTO POVERO CANE, E’ DORA, UNA RANDAGIA CHE VIVEVA IN PERIFERIA DI NAPOLI, CERCANDO DI SOPRAVVIVERE MANGIANDO TRA I RIFIUTI O DA QUALCHE VOLONTARIO……………HA PARTORITO 8 CUCCIOLI E UNA MATTINA MENTRE CERCAVA DI RECUPERARE DEL CIBO PER I PICCOLI, è STATA INVESTITA E LASCIATA MISERAMENTE Lì, SUL CIGLIO DELLA STRADA, MA LEI, NONOSTANTE DOLORI ATROCI, STRISCIANDO è RIUCITA AD ARRIVARE AI CUCCIOLI………………..è STATA ALMENO 10 GG IN QUELLE CONDIZIONI, ANCHE SE UNA CONTADINA DELLA ZONA, LE PORTAVA ALMENO L’ACQUA E IL CIBO, IN QUANTO ABBASTANZA VICINO AL SUO CORTILE…………….MA NESSUNO LE HA PRESTATO LE PRIME CURE, PER CUI DORA OLTRE AI DOLORI INIMMAGINABILI, NON HA AVUTO I PRIMI SOCCORSI FONDAMENTALI PER SCONGIURARE EVENTUALI PARALISI…………..SABATO SCORSO FINALMENTE CI HANNO CHIAMATI, E ABBIAMO PORTATO LA PICCOLA, IMMEDIATAMENTE DAL VETERINARIO:IL SUO VERDETTO INIZIALE DICE CHE RIMARRA’ PARALIZZATA O SEMI PARALIZZATA. HA POCA SENSIBILITà AD UNA ZAMPA E NELL’ALTRA NESSUNA……….

LA SUA DOLCEZZA è INFINITA. TI CHIAMA CON LA ZAMPA E CON IL MUSO PER CHIEDERE UNA CAREZZA………..QUELLA CHE NON HA MAI AVUTO. E’ SCHELETRICA, DISIDRATATA. PESA KG. 15 MA DOVREBBE ALMENO ESSERE 25…………

ABBIAMO BISOGNO DI AUTO!!!!!!!!!!!!!!!! DORA ADESSO E’ IN CLINICA MA LE SPESE SONO TANTE. IL PREVENTIVO PARLA DI 35 EURO AL GG PER OSPITARELEI E I CUCCIOLI. LA DEGENZA è LUNGA E PURTROPPO DA SOLI NON RIUSCIAMO A SOBBARCARCI DI QUESTA CIFRA. NON ABBIAMO MAI CHIESTO NULLA E ABBIAMO SEMPRE CERCATO DI FAR FRONTE CON QUEL Pò CHE ABBIAMO, MA LE CURE DI DORA SI PROSTETTANO DAVVERO LUNGHE E COSTOSE……………RAGAZZE/I, L’ALTERNATIVA ERA LA SOPPRESSIONE E GUARDANDOLA NEGLI OCCHI NON ME LA SONO SENTITA…………….LEI HA TANTISSIMA VOGLIA DI VIVERE E LE SUE CONDIZIONI, POSSONO DECISAMENTE MIGLIORARE. PURTROPPO, SERVONO SEMPRE E SOLO SOLDI, ANCHE PER POTER DECIDERE DELLA VITA DI UNA POVERA SFORTUNATA CREATURA………………

PER CHI VOLESSE AIUTARLA, METTO LA MIA POST PAY, INTESTATA A FERRARA PASQUALE 4023 6004 6169 8732 E IL NUMERO DI TELEFONO DELLA DOTTORESSA AVOLLONE LOREDANA,3478775283 DOVE è ATTUALMENTE LA CAGNA CON I CUCCIOLI, SE QUALCUNO VOLESSE MAGGIORI INFORMAZIONI.

TUTTE LE SPESE VERRANNO DOCUMENTATE CON RICEVUTE O FATTURE A CHIUNQUE VORRà AIUTARCI E VERRA’ RESTITUITA LA SOMMA ECCEDENTE ALLA FINE DELLE CURE.

PER INFO TELEFONARE A PASQUALE 393/3210334 zadu@hotmail.it

Ciao a tutti, ho telefonato a Pasquale per avere, oltre alla post pay, anche il c/c dove poter versare qualcosa per queste creature, ho incollato la sua e-mail.
Aiutiamoli, grazie. Antonietta

DELLA CORTE ANNA RITA CONTO CORRENTE NUMERO 5990 CODICE IBAN IT14 D010 0515 – 2010 0000 0005 990 INDIRIZZO SWIFT/BIC DELLA B.N.L"BNLIITRR".
BANCA NAZIONALE DEL LAVORO DI SALERNO AGENZIA 1.
grazie mille

 
TRISTE AGGIORNAMENTO…..
la sua storia mia aveva commossa fin dall’inizio, ora che è volata sul ponte ho le lacrime agli occhi e maledico chi le ha provocato tutta questa sofferenza..
un grazie di cuore a chi invece si è preso cura di lei tentando il possibile.almeno non era più sola…
Stò facendo una fatica incredibile a scrivere, a raccontare.. …….quando la piccola Dora ormai nn è più con noi.
Ieri sera alle h. 23, la telefonata di Pasquale: "Dora ci ha lasciati…. …….." nn potevo crederci, nn riesco ancora a crederci.
Tutta Italia ha cercato di aiutarla, tutti voi avete contribuito e inviato aiuti per salvarle la vita e poterle regalare un futuro dopo la grande sofferenza vissuta….. …
Purtroppo la parvovirosi, l’ha uccisa in meno di 24 ore, aiutata da tutte le altre patologie e complicazioni insorte….. ……..Erano passati 11 giorni dal suo ricovero, e Dora, aveva ripreso le forze, aveva appetito ed era felice di trovarsi coccolata e amata dalla veterinaria e dai volontari… ……… ….Copio qui sotto la mail della veterinaria che ce l’aveva in cura …….scusate ma nn riesco ad aggiungere altro…..
VOGLIO SOLO RINGRAZIARE CON TUTTO IL CUORE I VOLONTARI CHE HANNO CERCATO DI SALVARLA E COLORO CHE HANNO MANDATO UN CONTRIBUTO SPERANDO CHE CE LA FACESSE E POTESSE GUARIRE….. ……OGGI PASQUALE, SALDERà IL CONTO DELLA VETERINARIA E FARA’ UN ELENCO DELLE SPESE E DEI SOLDI RIMASTI, IN MANIERA DA POTERVI INVIARE IL TUTTO E RESTITUIRE LA PARTE IN ECCESSO. GRZ DAVVERO….. ……ALMENO DORA GRZ A VOI, PRIMA DI MORIRE HA CONOSCIUTO L’AMORE, IL CALORE, E SOPRATTUTTO LE CURE ………… …
Purtroppo stanotte Dora se n’è andata.

Dora è arrivata da noi domenica 1 giugno. Non sappiamo cosa abbia subito prima del suo arrivo qui. Quando è arrivata versava in uno stato di profonda denutrizione e disidratazione, probabilmente causata da giorni di digiuno.

Aveva profonde piaghe da decubito, infette e contaminate da larve di mosca, probabilmente dovute ai suoi tentativi di trascinarsi alla ricerca di un riparo, nel luogo dove, con ogni probabilità, era stata abbandonata.
Aveva, alla zampa anteriore, anche il residuo di un ago cannula e del cerotto, il che prova che forse qualcuno aveva provato a curarla e poi, nel vedere che le cure si prolungavano senza esito, l’aveva abbandonata ad un destino crudele, destinata a morire di stenti con i suoi otto cuccioli da allattare.

La sorte ha voluto che un’anima pia la trovasse e la soccorresse, a dispetto di chi, senza un minimo di umanità, l’ha abbandonata così indifesa e sofferente.

Al di là delle condizioni mediche disperate in cui è arrivata, ciò che ci ha più toccato, a noi dell’ambulatorio e ai ragazzi dell’associazione, è stato il suo comportamento. Nonostante fosse spaventosamente anemica, piagata, denutrita e disidratata, la sua unica preoccupazione erano i suoi cuccioli.
Si è fatta curare, pulire, medicare senza assolutamente protestare, affidandosi a noi senza remore, ma quando abbiamo preso i cuccioli per vedere come stavano , si è fatta prendere dall’ansia, cercando in ogni modo di divincolarsi perché i piccoli, spaventati piangevano e la cercavano affannosamente.

E anche nei giorni successivi, il suo istinto materno non è venuto meno, non c’era momento in cui perdesse di vista i suoi cuccioli e non li cercasse con affanno. Non credo che molti esseri umani siano capaci di tanta dedizione e spirito di sacrificio…

Purtroppo, i miglioramenti iniziali delle condizioni di Dora e tutti gli sforzi nostri e di chi ci ha aiutato economicamente e moralmente, sono stati annullati dalla parvovirosi. Le condizioni di deperimento di Dora, l’erlichiosi di cui era affetta, l’hanno esposta alle infezioni e la parvovirosi non le ha dato scampo.

L’assistenza continua, i farmaci, l’affetto che tutti hanno dimostrato nei suoi confronti, non sono serviti a salvarla. Stanotte se n’è andata. La sua unica consolazione, speriamo, è che i suoi cuccioli ora sono al sicuro.

Mi chiedo se chi l’ha abbandonata su quella strada abbia un minimo di rimorso. Nel nostro lavoro, siamo purtroppo "preparati" a vedere ciò che la cattiveria umana può arrivare a fare ma, ogni volta che capitano situazioni del genere, ci domandiamo come si possa avere la presunzione di ritenere il genere umano superiore agli altri esseri viventi…

Chi vive con gli animali, chi li cura, chi si prodiga per loro sa che se ci comportassi un po’ più da "animali" e un po’ meno da "esseri umani" forse il mondo sarebbe un luogo migliore …

E Dora, insieme a tanti altri esempi di quanto gli animali meritino la nostra ammirazione e il nostro aiuto, rimarrà nei nostri cuori come esempio di amore, ma anche con l’amarezza che anche stavolta un essere vivente è morto per le nostre colpe…
Dr.ssa Loredana Avallone