LOCALITA’: Bucchianico – Chieti
Cari amici animalisti, scusate se vi rompo, torno a scrivere questa volta con una emergenza un pò difficile da risolvere.
Giorni fa ho ricevuto una segnalazione per un signore ex allevatore che vuole cedere le sue due mucche. Oggi stessa mi sono recata a casa del signore per verificare la situazione, l’anziano mi conferma di voler vendere le mucche perchè avendo 80 anni non ne vuole più sapere.

Quando mi ha portata a vederle, mi sono trovata davanti a una specie di stalla ridotta malissimo, in semi oscurità, le povere mucche dalla corporatura enorme sono legate ad una catenella di soli 80 cm che parte dalla testa fini a una specie di mangiatoio, sono immerse nei propri escrementi, ricoperti delle loro feci e non hanno acqua. Chiesi da quando tempo non uscivano fuori dalla stalla e mi disse da 3 anni! pensate che sofferenza, così enormi, quelle povere mucche legate da tre anni ad una catena di 80 cm! che le priva di ogni movimento se non quello di giacere a terra. Questa è la riconferma che non sono gli allevamenti intensivi che producono sofferenza, ma qualsiasi tipo di allevamento o simile, anzi le stalle di campagna adottano pratiche molto crudeli di detenzione degli animali, di estrema prigionia, diventano semiparalizzati, cosiderati sempre e comunque come macchine. Gli animali in quelle condizioni mangiano soltanto, infatti sono dei macigni.

L’anziano ignorante ha sparato circa 1900 euro a mucca, non le vende per guadagnarci per poi ricomprarne altre, ma perchè se ne vuole liberare definitivamente, per questo potrebbero essere salvate, ma la cifra è davvero esorbitante, ci vorrebbero tanti animalisti che con una colletta si arriverebbe a quel costo oppure trovare un ricco a portata di mano, ne conoscete qualcuno? olre che pianificare prima una sistemazione adeguata in qualche fattoria etica. Lo so questa volta quasi sicuramente falliremo nell’impresa, ma pensate se riuscissimo a salvarle, adesso hanno 6 anni e sono maltrattate e presto finiranno in mano a un allevatore che le porterà al macello, dopo una breve vita fatta solo di sfruttamento e sofferenza, mentre salve sarebbero libere e felici finalmente e potrebbero vivere fino a 40 anni..

ci sono 40 attivisti che mettono circa 100 euro a testa?? in fondo è difficile ma non impossibile.

Guardate le foto..hanno degli occhi tristi, ma buoni..

se qualcuno ha un’idea mi faccia sapere..

grazie, Samantha

Contattare : lav.chieti@infolav.org

 

"MUCCHE LIBERE" SIAMO A QUOTA 2.335 euro MANCANO 1.465 euro

Il codice IBAN della Lav di Chieti e’ :

IT56 U076 0115 5000 0000 0157 669

tradotto sarebbe

il Cin e’ : U

il codice ABI e’ : 07601

il CAB e’ : 15500

il numero del conto e’ : 157669

Samantha 338.4374446