Due studentesse Ucraine provenienti da due università diverse in Kein, sezionano un cane in cucina e scattano foto scandalose e le pubblicano su internet insieme a un video! Loro sostengono che era un compito da svolgere a casa!
Anna D. di 18 anni, una studentessa del secondo anno della Facoltà di medicina veterinaria dell’Istituto Nazionale di Risorse Biologiche e Alisa K. di 19 anni dell’Istituto di Kiev di Relazioni internazionali hanno scioccato la comunità di internet con il "compito" di Anna.
La storia cominciò quando le due ragazze decisero di sezionare un cane morto (come loro sostengono ) nella cucina dell’appartamento di Alisa, pensando di svolgere al meglio il "compito" hanno scattato foto e girato un video mentre svolgevano il processo si sezionamento, poi pero pubblicando sul blog della ragazza le foto con loro in posa (sorridendo!) di fianco al cadavere del cane!
Inutile dire, tale sessione di "fotografie provocatorie" con video al seguito sono arrivate all’attenzione di milioni di persone facendo il giro del mondo in pochi giorni.
Sorprendentemente, addirittura dopo che i ritratti scandalosi furono rimossi dall’amministrazione del sito web dove le ragazze li pubblicò inizialmente, Anna tentò di fare un conto nuovo ed espresse la sua rabbia sulle azioni dell’amministrazione.
Si resero conto della gravità della situazione e tolsero il video da loro girato, ma ormai era troppo tardi perchè sia il video che le foto fecero il giro del web.
In risposta ai commenti più caustici nel suo blog che già è stato rimosso, Alisa tentò di difendere la sua amica…
Anche l’accademia è scioccata……………..
Sono molte le preoccupazioni in rilievo che concernono le circostanze della morte del cane, si evidenza infatti che il cane poteva essere stato ucciso dalle due ragazze! Comunque anche se si spera che non sia questo il caso il semplice fatto che uno studente veterinario guarda un cane soffrire e invece di aiutarlo, lo fotografa o comunque non lo aiuta!
Come se la sessione di fotografia con il cadavere del cane non fosse abbastanza, in duetto ha un’altra storia alle spalle: questa è con un topo.
Nel blog di Alisa uno studente dell’Università di Kiev di Relazioni Internazionali descrive come loro iniettarono un sonnifero al topo e lo scuoiarono vivo. Dopo ciò, le ragazze rimossero gli intestini del topo e fecero le fotografie "come promemoria".
La legislazione che varia significativamente tra paesi, hanno una chiara tendenza ad eliminare approcci di insegnamento basati sul dissezionamento di animali, almeno in scuole mediche.
Carr Giuliano, un ricercatore che si specializza in problemi di dissezione virtuali, pubblica la sua opinione in Le Notizie di Araldo.
FIRMATE QUI….